QUESTO NON E’ ILBASKET CHE VOGLIAMO…

La società PIELLE LIVORNO esprime il più totale sdegno e incredulità riguardo la “sentenza” ricevuta in data lunedì 12 novembre – attraverso una semplice mail dalla segreteria della Fip Toscana e non tramite un documento ufficiale – riguardante il RICORSO presentato lunedì 5 novembre, entro le 24 ore previste dal regolamento, a seguito dell’inspiegabile provvedimento del C.U. n. 144 del 05/11/2018 relativo alla gara n. 867 “ammenda di euro 450,00 per atti di
vandalismo di liete entità…”. Tale RICORSO è stato catalogato, dalla Fip Toscana, come una semplice RICHIESTA DI REVISIONE, nonostante l’incartamento corredato di fotografie, attuali e della stagione passata – PROVE TANGIBILI –
sia stato presentato nei termini previsti dal regolamento per l’esibizione dei ricorsi.
Nella suddetta mail si legge che, il Giudice Sportivo, “una volta esaminato nuovamente il rapporto arbitrale”
– QUINDI IGNORANDO NELLA MANIERA PIU’ ASSOLUTA LE FOTOGRAFIE ALLEGATE AL RICORSO – “conferma l’importo dell’ammenda e rimanda alle società che gestiscono ed usufruiscono dell’impianto la questione relativa ad un eventualerisarcimento o riparazione”. Sul provvedimento del C.U. n. 144 del 05/11/2018 relativo alla gara n. 867 si legge integralmente: “ammenda di Euro 450.00 per atti di vandalismo con danni di lieve entità alle installazioni, attrezzature, cose e persone [art. 27,15a RG], con obbligo di risarcimento dei danni procurati al vetro della
panchina ospiti”. Di conseguenza, se la lingua italiana non è un’opinione e leggendo e rileggendo il bollettino, pare evidente che l’arbitro abbia visto, in diretta e con i propri occhi, e successivamente riportato sul referto i danni procurati al vetro della panchina ospiti, quando sull’intera vetrata della tribuna lato terra del Pala
Macchia sono presenti da anni segni e incrinature. Tuttavia, ed è pure questo un fatto oggettivo, l’arbitro medesimo non ha mai interrotto la gara nè tantomen segnalato i danni descritti nel provvedimento n. 144 al capitano e al dirigente addetto agli arbitri. A tal proposito le fotografie attuali e passate, di cui è stato corredato il RICORSO della società PIELLE LIVORNO, testimoniano in maniera tangibile come il vetro della panchina ospiti fosse già rotto, senzacontare che sul referto arbitrale non è presente alcun cenno preciso su quale sia il vetro danneggiato, considerando pure che la colonna/parete posta dietro la panchina ospiti è vecchia di almeno 30 anni. La società PIELLE LIVORNO si rammarica, inoltre, del fatto che la “sentenza” del RICORSO (o della RICHIESTA DI REVISIONE, come catalogata dalla Fip Toscana), sia giunta nella giornata lunedì 12 novembre e non in quella di venerdì 9 novembre come precedentemente comunicato, dopo una serie consultazioni non solo con il giudice sportivo. Il tutto a distanza di 5 mesi da un altro, inspiegabile, episodio senza precedenti. Ovvero il cambio della coppia arbitrale a 24 ore dalla palla a due gara-3 di finale playoff di Serie C Gold contro la Virtus Siena. Per tutto ciò la società PIELLE LIVORNO si tutelerà in tutte le sedi opportune, dubitando fortemente – in una situazione del genere – di poter continuare ad investire risorse umane ed economiche per il bene del basket livornese.   ……..Cosa dice Livorno Press ….Vai al documento della Sanzione