Intensa, agguerrita e cinica: è questa la UNICUSANO PIELLE LIVORNO che, domenica sera sul neutro di Piombino, si è sbarazzata della capolista (almeno fino a qualche ora fa) Etrusca San Miniato (67-49), al termine di una delle più prestazioni stagionali. Tanti i protagonisti sul parquet, e in momenti diversi, a cominciare da Alessio Iardella che, in quella che è stata casa sua per 8 stagioni, ha punito La Patrie con 19 punti e perle di assoluto talento. In doppia cifra anche Giovanni Lenti, monumentale sotto i tabelloni, Michael Lemmi (12, con canestri dal valore inestimabile) e il solito Gian Marco Drocker, 13 con una leadership dilagante. Ma vogliamo citare anche Leonardo Salvadori, Gabriele Fin, Filippo Paoli, Tommaso Tempestini e Filippo Di Sacco, attori fondamentali di una Pielle che si affaccia al derby con la Libertas 1947 di giovedì sera (ore 20:30) con entusiasmo.
Un altro bel segnale è che la Pielle ha dimostrato di saper vincere in trasferta, visto che ormai gioca lontano da Livorno dal 19 dicembre. Lo farà anche giovedì, ma sul parquet di casa. Finalmente.

UNICUSANO PIELLE LIVORNO-La Patrie Etrusca San Miniato: 67-49
UNICUSANO: Iardella 19, Fin 7, Paoli 3, Tempestini, Nannipieri ne, Lemmi 12, Lenti 10, Salvadori 3, Di Sacco, Drocker 13. All. Da Prato.
LA PATRIE: Mastrangelo 14, Lorenzetti 8, Ermelani ne, Guglielmi, Benites 9, Candotto 3, Caversazio 3, Bellachioma 2, Quartuccio 2, Capozio 2, Tozzi 3. All. Marchini.
Arbitri: Suriano di Torino e Sordi di Casalmorano
Parziali: 20-8, 15-22, 21-11, 11-8