🏀🔵⚪️ Come nei romanzi. E con un cuore grande così, la PIELLE LIVORNO è tornata a respirare odor di vittoria, di fronte ad un Pala Macchia incandescente, superando di slancio, nel quarto periodo, la Virtus Siena.
Un match non semplice. Forse il più difficile dal punto di vista emotivo, specie dopo 3 stop consecutivi. Ma i ragazzi di coach Andrea Da Prato, privi di Schiano, hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo, mai perdendo la calma, neppure quando la Virtus, in avvio di terzo quarto, è volata sul +11. No, la Pielle è rimasta. Dentro la partita. Aggrappata al cuore dei cognomi d’arte (Dell’Agnello, Burgalassi e Creati), a sostegno di un monumentale Filippo Magni, autore di 21 punti, molti dei quali nel momento topico. Il sorpasso? A firma di Pippo Creati, una tripla che pesava tonnellate e che l’ex Don Bosco ha realizzato, mandando in visibilio il pubblico di fede piellina. Il resto è storia nota. La Pielle c’è. E ci sarà. Fino alla fine.

PIELLE LIVORNO – Virtus Siena: 71-65
PIELLE: Creati 10, Di Sacco, Burgalassi 17, Magni 21, Nannipieri ne, Baroncelli 3, Bonaccorsi 5, Stolfi, Fantoni 5, Portas Vives ne, Dell’Agnello 10. All. Da Prato, Fini.
Parziali: 18-19 (18-19), 32-38 (14-19), 48-52 (16-14), 71-65 (23-13)

#FINOALLAFINEFORZAPIELLE